16 agosto FARIM

Image Hosted by ImageShack.us

GIOVEDI’ 16/08/2007 FARIM E LE TOVAGLIE

 

Giornata più che scialla questa, trascorsa alla scoperta di Farim e di padre Carlo!!

Ma partiamo con ordine. Farim è situata in Guinea Bissau, uno stato piccolissimo situato a sud del Senegal ex colonia Portoghese per cui camminare per quelle vie.. che poi erano strade di terra rossa era come camminare nn so nel telefilm ZORRO. Un fazzoletto di terra assolutamente povero e dove c’è il più alto tasso mondiale di sieropositività. Non esistono industrie e quindi ogni prodotto viene importato e per questo è rabbiosamente costoso. C’è un forte tasso di mortalità infantile.. e le tradizioni e soprattutto le superstizioni sono ancora molto radicate, per cui non ci sono credo musulmano o Dio Cristiano che tenga.. anche se convertiti.. appena hanno un problema vanno dallo sciamano o da chi per lui!!!! Per superstizione o per povertà molti bambini sono denutriti e insieme a loro le mamme!!!

A Farim scorre un grande fiume navigabile omonimo della cittadina ed in prevalenza solcato da lunghe piroghe che fanno il servizio di trasporto da una sponda all’altra del fiume..

Quella mattina, dopo la messa e le lodi..ehm.. in Kreolo (essendo colonia portoghese neppure francese si parlava.. ma un qualcosa misto al portoghese… ed erano lacrime perché proprio non capivamo una benemerita!!!), abbiamo fatto colazione e poi a seguire un tour per le vie del paesello in compagnia diAfoul, un ragazzo intenzionato, pare, ad entrare in seminario e che quindi si dà da fare con i padri oblati e la missione cattolica. Come ho già scritto i cellulari non prendevano proprio, non c’è elettricità se non per tre ore la sera.. ma siamo stati talmente fortunati che non è mai arrivata neppure la sera per cui abbiamo utilizzato l’energia di scorta dei pannelli solari.

L’umidità era da brivido, lo si notava dalle case che erano in muratura e davvero facevano pensare a zorro…ed erano verdi di muschio….quindi paesaggio relativamente diverso ma persone al solito splendide che si fanno in quattro per farti sentire a “casa”…appunto come il nostro AFOUL l’accompagnatore di questi giorni in Guinea bissau. Le strade erano ricolme di voci gioiose e di colori sgargianti propri dei vestiti e delle stoffe che stavano addosso alla gente o sulle bancarelle del mercato… pesce fritto con una miriade di mosche attaccate, polveri varie.. presumibilmente spezie, oggetti di plastica.. almeno la carne era venduta in un negozio non all’aperto.. ed era già qualcosa.

Al nostro rientro dalla passeggiata abbiamo dato una mano con le tovaglie.. Si, perché padre Carlo, che è un artista… ha ben pensato che forse bisognava fare qualcosa per far girare l’economia del paesello.. per cui si inventa la produzione di tovaglie in stile batik (come avete visto dalle foto da me pubblicate)..e pensate che escono talmente bene e belle che gli hanno commissionato qualcosa come 5000 tovagliette americane per la colazione che devono essere consegnate per  il mese di ottobre… per cui dover tagliare innanzitutto tutte le tovagliette era un gran lavoraccio e se lo faceva da solo padre Carlo.. così ci siam messi a catena.. chi tirava le righe, chi ritagliava e così via. E nel pomeriggio abbiamo assistito alla loro creazione.. bhe non sto a raccontare tutto il procedimento perché in effetti si vede dalle fotografie…

Ma non tutti potevano far qualcosa.. per cui… ci è stata  data la possibilità di fare dei braccialettini con le perline.. per noi.. ma anche da vendere una volta a casa (il cui ricavato sarebbe tornato a FARIM).. così mi sono cimentata nella creazione di una mia collana di gioielli firmata TIZ…ma mi han fatto delicatamente capire che la designer non è la mia vocazione buuuuuuuuu.. ho fatto uno straccio di braccialetto con due perline di vetro e una dinon so cosa centrale solo ed unicamente perché i buchi delle altre erano troppo strretti e io non agevola pazienza di farli entrare nel cordino… comunque… alla fine padre ciarlo mi dice.. allora, cos’hai creato… io gliel’ho fatto vedere e lui mi ha guardata schifato dicendomi,, “bhe.. potevi anche fare qualcosa di meglio” buuuuuuuuuu bistrattata sempre di più anche in terra africana… ahahahhahhahahah!!! Però mi sono fatta una ghignata potente e mi sono messa il cuore in pace ahahah. Ma vediamo tutti i pro .. chi può vantare in italia un braccialettino fatto in Guinea Bissau con cordino del posto, perline indiane e manodopera italiana a costo nullo!??!?!!? HEHEHEHE J

L’equipe di padre Carlo è formato da signore che si ritrovano una volta a settimana (ora anche di più visto che hanno un ordine di così grandi proporzioni) e che hanno imparato questo “mestiere” da lui e hanno visto che se fanno qualcosa poi vengono pure pagate e quindi aiutano anche il budget familiare.

Da notare che donne… noi.. io, Laura e Maria Chiara eravamo là ad osservare tutto il procedimento.. ma eravamo proprio tutte sciallate e anche un po’ ingobbite… son passate ste qui e in kreolo ci hanno detto “SIGNORINE, SI STA DRITTE CON LA SCHIENA”  E padre Carlo si è fatto una risata e poi ci ha tradotto subito il tutto.. Che vergogna son stata borrita pure in africa per la postura troppo rilassata.. hahahhahaha.

A seguire nuovo incontro di revisione con tutto il gruppo. Ho come l’impressione che PGP non sia troppo contento di noi tutti… pare che siamo troppo concentrati su noi stessi e non quindi aperti all’accoglienza di quanti si presentano a noi. Presumo lui abbia ragione… non so se è così per tutti ma per quanto mi riguarda lo è..eccome se lo è.La serata.. breve perché l’energia elettrica era preziosa.. è stata trascorsa in compagnia.. con una partitina anche a carte… meglio di niente hehehehe

Annunci

8 thoughts on “16 agosto FARIM

  1. E che cacchio!! Nno ti hanno lasciata in pace nemmeno lì!! Che cattivoni… ç__ç
    Comunque mi sembra che siamo solo a metà del racconto, non vedo l’ora di arrivare alla fine!!
    buona giornata!!! ciao a presto!!
    baci

  2. queen………………………………………………………………………..oggi mi sento da guerriglia…………………………ahahahahahahahahahahahaha
     
    ciauuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu 

  3. tiz nn abbatterti così..nn è proprio il caso!
    la nostra era tutta invidia..i tuoi gioielli erano proprio stra, in realtà noi eravamo tutti gelosi..mi stupisco ke tu non abbia capito subito il nostro giochetto! ascolta, devo chiderti un favore, se il tuo bellissimo baraccialetto verde è in vendita, bhe, lo prenderei volentieri..mi sn dimenticata di portar a casa un regalino..sn disposta a pagare parecchio per quel pezzo davvero unico nel suo genere.. 
    fammi sapere.. alla prossima!! 

  4. Come ti ho risposto anche sul mio blog… non ne ho la più pallida idea!!!!
    vado a vedere… forse è un errore di windows live spaces, non mi stupirebbe…
    grazie di avermelo detto!!
    buona giornata e ciao a presto!!!
    bacissimi 

  5. Ah… ehm… Io veramente la vedo… O.O
    Strani misteri ci circondano… O.O
    dum-dum dum-dum…. AAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    ghghgh
    ciaooo

  6. Ciao Sono un conoscente di Padre Carlo e ho collaborato per Casa Emanuele a Farim, vorrei sapere notizie maggiori della tua esperienza, come mai sei arrivata proprio li ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...