15 agosto 2007 una luce nel nulla

Image Hosted by ImageShack.us

(pioggia dal portico dove stavamo pranzando a Temento)

15/08/2007 UNA LUCE IN MEZZO AL NULLA

Come dicevo ieri.. i bagordi delle corali si sono protratte per tutta la notte.. ed è stato bello comunque vedere che per la Messa tutti erano belli svegli e arzilli.

Ultimo giorno a Temento e grande solennità dell’Assunta. Fin dal mattino c’è stata una grande affluenza di fedeli, tutti venuti da più o meno lontano per assistere alla Messa presieduta dal Vescovo di Kholda. Una Messa in riva all’immenso fiume Casamance durante la quale è stato pregato anche per la pioggia, affinché sia propizia per la nuova stagione e per non far troppo patire la fame e la sete nei mesi estivi. La funzione è iniziata dopo le 10.30 accompagnata dalla corale di temento e per l’occasione, il direttore non era più vestito come uno sciamano ma si era decorosamente vestito tutto di grigio…. Ho davvero fatto fatica a riconoscerlo!!!! E, visto che la figuraccia della sera prima non ci era bastata.. prima della fine della messa il Vescovo, informato della presenza di italiani canterini.. ha chiamato la corale italiana per ripetere la performance e qui scatta la tizianata finale…. Quando finalmente finisce lo scempio (povero genrosso bistrattato da questi cantori della mutua che poi nn siamo altri che noi…. Cioè… una postilla ci vuole… presi singolarmente siamo tutti bravini a cantare.. è che l’insieme… ehm.. il coro.. proprio non è riuscito a decollare… raga.. ci vogliono un po’ di prove.. si, si!!! Ahahahh)… possiamo scendere dall’altare (che era stava 2 gradini sopra il terreno) e io cosa faccio!?!? Mi inciampo nel filo del microfono e non è che come ogni persona di buonsenso mi fermo e mi libero dall’impiccio… no… io inizio a saltellare per i gradini pensando che prima o poi il filo si sarebbe anche tolto dai miei piedi.. ma più scendevo e più dovevo alzare le gambe perché il filo era corto… Insomma ho rischiato di dover ricomperare un impianto audio!! Che vergogna… PGP mi ha FULMINATA haahahhahahah!!!

Sarà stata la nostra performance, o molto più probabilmente la preghiera… finita la messa abbiamo sistemato tutto e distribuito i palloncini che ehm.. erano serviti per l’addobbo della “location” della Messa (l’avessimo fatto qui nel paesello ci avrebbero scomunicati…. Ma se non avevamo altro per addobbare… uffi!!!) e subito dopo si sono aperte le porte del cielo.. ed una pioggia torrenziale ha iniziato a benedire la terra rossa. A pranzo con noi è rimasto anche il vescovo con il suo staff, più vari altri religiosi che per l’occasione erano stati invitati… e, visto che non c’era posto per tutti al chiuso, si è pensato di mangiare sotto il portico all’aperto.. ma la pioggia veniva tutta di traverso quindi abbiamo mangiato cous cous  bello bagnato.. hehehheeh.

Verso le 16 anche il Vescovo se ne va.. e, facendo il brillante, decide che l’auto la può togliere lui dal fango… così inserisce il 4×4 e si mette a fare una super retro… e……. tadaaaaaaaa finisce dritto contro un muretto e la cosa spettacolare è stata che i mattoncini che formavano il muro si sono spostati dalla loro sede… mentre l’auto è rimasta intatta… potere del clero!!?!? Ahahahahhah!!!! Salutiamo calorosamente tutti, padre Victor, fr. Etienne i bambini con i quali il giorno prima avevamo giocato a palla bollata (potere di una pallina… unire i popoli hehe) e via ancora una volta sui pick up.. destinazione.. altro stato africano la GUINEA BISSAU (che devo essere sincera prima di iniziare questo viaggio non sapevo neppure esistesse!!! Che ignoranza!!!). Una strada paurosa, dove c’erano buche piene d’acqua che mi arrivavano alle ginocchia. Per l’occasione abbiamo dato un passaggio ad un prete fino a circa metà strada. Le valigie erano tutte sul pick up di padre pippo perché avevamo un unico telo per coprirle dalla pioggia. Comunque una volta lasciato il prete nella cittadina di sua destinazione.. il nostro viaggio è continuato senza troppi intoppi se non appunto per le buche.. una strada raccapricciante, ad un certo punto ha smesso di piovere e come nei migliori film sulla savana ecco che arriva di colpo un gran sole…ma l’acqua nelle buche rimane impedendoci di capirne la profondità.. sta di fatto che ad un certo punto ci ritroviamo piegati di quasi 45° dalla mia parte.. avreste dovuto vedere che gatto che son stata a catapultarmi in braccio a maria Chiara che stava a sx….. unos catto così neppure nei tempi d’oro della mia miglior condizione fisica hehehhhe!!!. Abbiamo attraversato un nulla formato da foreste a tratti lussureggianti e a tratti bruciacchiate da chissà quale incendio doloso o colposo. Mi è capitato di viaggiare per sentieri impervi nei più svariati stati.. ma questo lembo di terra che collega il Senegal alla Guinea Bissau è davvero unico nel suo genere…un’unica pista rossissima costeggiata da foreste tropicali, qualche scimmia ben nascosta… alcune capanne che sbucano qua e là a distanza di molti km. E in mezzo a questo nulla non può mancare la dogana.. così per decine di minuti siamo dovuti star fermi ad elencare i nomi dei nostri genitori e la nostra provenienza… ma non è che lo scrivevamo noi… no.. loro ad assonanza scrivevano quanto noi dicevamo… son saltati fuori di quei strafalcioni da panico… ma se andavano bene a loro.. nulla in contrario!!!!

E dopo circa 3 orette di strada in una zona che mi metteva davvero malinconia.. io mi sono davvero immaginata quella foresta umida al mattino con la nebbia che sale dal sottobosco…. Manca solo un lago e il traghettatore con una sacerdotessa con la mezzaluna tatuata sulla fronte e siamo ad Avalon…. Si leggo troppi libri fantasy heheheheh..

E ripeto dopo tre orette di strada siamo finalmente giunti in quel di FARIM dove ad accoglierci c’era padre CARLO…. La Guinea Bissau è uno dei paesi più poveri che io conosca, è stata colonia portoghese.. infatti qui si parla il Kreolo (e quindi non capivamo una benemerita mazza) e c’è il più alto tasso mondiale di sieropositività….. che danno cavoli!!!

Eppure per quanto ci riguardava FARIM.. o meglio, la missione oblata era UNA LUCE IN MEZZO AL NULLA….perché era UNICA.. Sicuramente tenuta meglio che casa mia (con tutto il rispetto per la mia mammina che tanto si dà da fare). Ma non è dall’aspetto esteriore che si deve giudicare una missione… diciamo che padre Carlo..è un artista con uno spiccato e delizioso senso estetico e con un gusto per i particolari davvero eccellente.. per questo la sua “casa” risulta più confortevole.. pare di stare all’Ikea heheheehe. Comunque non è che lui sia lì per abbellire 4 mura.. no.. lui e i suoi confratelli stanno facendo moltissimo per questi “fratelli” di Guinea.

Ma in mezzo a tanta apparenza occidentale ecco che l’african Style torna prepotentemente a farsi sentire…. Infatti, ci sono svariate comodità ma la luce elettrica è utilizzabile unicamente dalle 20 alle 23 e dopo, se si è fortunati, c’è la riserva del pannello solare…..in più altro paradosso.. fuori dalla casa c’è un internet point… eppure… in Guinea i Cellulari non hanno nessun tipo di campo.. quindi son rimasti spenti per 3 giornini!!!! Tutto di guadagnato si, si!!!

Però nulla mi ha ripagato come una doccia calda.. si perché stranamente.. qui (bhe solo per questa sera però) l’acqua era calda….. quasi mi scendono 2 lacrimoni!!!! Tra l’altro c’erano anche le mensoline per appoggiare il doccia schiuma.. e so di essermi detta.. “cavoli come a casa”.. peccato che fosero lì appena appoggiate.. e quindi mi sono cascate a terra nel giro di un nano secondo.. pazienza dai.. se non combino qualcosa nn sto bene!!! Hehehhhe 

Annunci

4 thoughts on “15 agosto 2007 una luce nel nulla

  1. Ebbene, direi proprio di sì! La regina ha bisogno di un corso di sintesi. Te lo tengo io se vuoi, ma tu insegnami ad essere così dettagliata nei racconti :P
    Buona giornata,
     
    Jo 

  2. Spero che tu ti sia scritta i post mano a mano durante il viaggio perché non ci credo che hai una memoria così lunga!!!!
    troppo brava!!!
    ciao a presto!!!
    un bacione! 

  3. In effetti… mi sono scritta i vari appunti di viaggio stavolta….. ma a gennaio… ho scritto i primi 4 giorni e poi ci ho rinunciato per cui… tutto quello che vedi scritto è frutto della mia memoria FOTOGRAFICA si, si!!!! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...