11/08/2007 comple di Maria Chiara

11/08/2007 MARIA CHIARA’S BIRTHDAY!!!!!

 

Si, si, e un’altra componente del groppone oggi compierà gli annetti per ben 26 ore delle quali 2 in Italia e 24 in Senegal.. heheeh!!! L’unica differenza tra me e maria chiara è che ne compie ben 10 in meno rispetto a me.. ebbene si la ragazzina è appena 21enne!!!!

La giornata parte come tante, Lodi, messa più colazione. L’impegno però era diverso.. cioè far memoria di un momento nel quale ci siamo sentiti amati.

La giornata prevedeva la visita alla missione di Koumpentoun (ehm.. maria Chiara.. che leggerai tutti sti nomi…. Vedi di spedirmi i nomi esatti che qui mi sto arrampicando sui vetri a dare volto a missioni varie.. se no inizio a scrivere quelli che ho associato per assonanza per ricordarli… tipo per questo “copertone” ahahah). Qui abbiamo conosciuto una delle pietre miliari della famiglia oblata in Senegal e cioè padre Danilo (originario delle parti del Monte grappa mi pare) e padre Joseph che poi abbiamo rivisto a Dakar. Insieme a loro c’era Antonella, una signora della parrocchia oblata di Roma (Crocefissa.. o qualcosa di simile.. perdonate l’ignoranza), che era lì anche lei per fare un’esperienza di vita missionaria. Padre Danilo è in Senegal dal 1976, quindi dagli albori della fondazione della delegazione del Senegal e anche lui era giunto qui dopo l’espulsione dei padri nel laos.

E’ stata una giornata memorabile, padre Danilo, come i migliori narratori ha iniziato a parlarci della sua e loro vita dal ’76 in poi, e di come a piccoli passi queste piccole comunità di cristiani stanno riuscendo a “camminare” da sole e soprattutto di come umanamente è possibile una collaborazione con il regno dell’Islam.

Qui i cristiani sono veramente una minima parte.. un 3% sul totale della popolazione che è fondamentalmente al 97% musulmana.. eppure, se c’è bisogno di dare una mano disinteressata e gratuita non si guarda certo in faccia alla fede che si ha.. ci si aiuta e basta..e il tutto è reciproco. Il dialogo è aperto su tutto tranne che giustamente sul livello teologico.. in questo caso, bhe i cristiani al solito stanno nel tonto.

Fa davvero pensare questa “serena” convivenza; con tutto quello che i nostri anni ci stanno mostrando di estremamente negativo, ecco che sbuca una grande speranza. E bisogna venire in un paese così povero per capirlo!?!?!? Bisogna fare un’esperienza simile per capire quello che avremmo dovuto sempre sapere!?!? Il vivere in armonia è possibile… allora forse c’è speranza anche per tutti noi.

Questi padri (insieme a tutti i missionari nonché ai volontari che operano in terra di missione) sono dei veri eroi, perché hanno cercato e cercano di migliorare le condizioni di vita di questi uomini e queste donne, ma non secondo i nostri canoni, ritmi e metodi, ma partendo da loro, dalle loro risorse perché è giusto che poi tutto venga riconsegnato al popolo nel momento in cui sarà capace di camminare da solo!!!! E’ inutile portare modernità nelle colture c’è bisogno che anche loro vivano i nostri processi di crescita che sono avvenuti nel corso dei secoli… forse son troppo bacchettona.. ma se lo sviluppo e i cambiamenti li vivranno gradualmente sulla loro pelle, bhe credo che un po’ alla volta possano risollevarsi dalle loro condizioni. Diversamente, facendogli trovare tutto pronto e senza neppure l’istruzione adeguata bhe trovo sarà dura essere liberi di “crescere”… E in questi anni i padri hanno tentato questa strada, prima di iniziare ad evangelizzare si sono giustamente occupati delle persone, dell’aspetto sociale e della sopravvivenza.. poi hanno iniziato anche il processo di evangelizzazione.. infondo son sempre preti!!!

Questo scambio con padre Danilo e padre Joseph (che da senegalese era perfettamente d’accordo con padre Danilo) è stato molto molto bello, peccato che la mia mente, ancora non capisco perché, fosse del tutto intorpidita ed ora son qui piena di lividi per tutti i pizzicotti che mi sono data per mantenermi lucida… mah… chissà perché poi mi è capitata una cosa del genere..

In questa missione è stata creata una specie di banca del miglio (alimento fondamentale) per dare una mano alle famiglie più bisognose. Il metodo pare funzioni e per ora tutto procede per il meglio e mi pare di aver capito che al progetto non partecipano solo famiglie cristiane ma anche musulmane. Fa pensare che un inverno non era rimasto più nulla ad alcune famiglie.. e nessuno è morto di fame, nessuno si è ammalato perché le famiglie hanno collaborato per il bene reciproco.

Ci siamo fermati a pranzo in questa missione e dal nulla spunta fuori padre Joseph  con una frase tipo.. "ma voi non sapete qual’è la cosa più bella che c’è in Senegal" io già pensavo ai baobab e invece… arriva nella stanza con una maglietta originale del Milan autografata e dedicata a lui da KAKA’ in persona…. è un vero giaà gli voglio bene davvero!!! Ma tu guarda se devo andare in mezzo al nulla per trovare una maglietta autografata di kakà, troppo bellino!!!!

Durante il pranzo abbiamo assaggiato il succo del frutto della liana e anche il frutto della liana…. non credevo si potessero mangiare!!!! Spettacoo!!!

Nel pomeriggio poi, con un nuovo autista (Michele ha preso il posto i PGP alla guida…con tutto il rispetto.. ma fortuna così… Michele è molto meno nervoso di PGP) siamo tornati verso casa.

Visto che ci stavamo un giornino in più rispetto ad altri posti abbiamo avuto tempo per fare il bucato… e per fortuna se no dovevo iniziare a girare i vestiti se li volevo vedere quasi puliti!!!! Quindi bucato, un po’ di dolce far niente.. quattro chiacchiere ta di noi e a sera seconda revisione… PGP ci ha bacchettati soprattutto noi ragazze.l.. dice che siamo troppo gruppo a se.. Non posso dare torto ma alla fine oltre a stare tutti insieme.. anche la sera non  è che facciamo vita sociale… una volta finito di lavare i piatti facciamo compieta e poi andiamo a nanna.. non è che si socializza se non con chi hai in camera!!! Vabbè lasciamo perdere!!!

Maniaca come sono io delle bische dove si gioca a carte….

Comunque siamo pronti per un nuovo inizio.

Piccola postilla… Maria Chiara ha trovato la sua gemellina senegalese.. si chiama Marie Claire e proprio oggi compie gli anni proprio come lei.. heheheeh 

Annunci

One thought on “11/08/2007 comple di Maria Chiara

  1. Carina la polemichetta…
    Però devo darti ragione: è inutile portargli tutto già fatto, non imparerebbero e non diventerebbero autonomi. 
    buona giornata bella!!!
    un bacione!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...