bhe allora su richiesta

Image Hosted by ImageShack.us

 

Si, si..a grande, grandissima richiesta della mia amica Enry che stravede per Clementina…..uno dei pilastri della commedia musicale italiana…forse il più famoso….

Commedia musicale nata nel 1974 dalla penna di Garinei e Giovannini – con la collaborazione di Jaja Fiastri – e dalla partitura di Armando Trovajoli può sicuramente definirsi un classico del teatro italiano. Fin dalla sua prima rappresentazione ha conquistato il cuore del pubblico che ha applaudito i suoi personaggi in ogni angolo del mondo. Rarissimo caso di commedia veramente internazionale è stata rappresentata in oltre 50 versioni dalla Russia all’Inghilterra, dal Brasile alla Cecoslovacchia, dall’Austria all’Argentina e poi in Messico, in Perù e in Spagna.
Spettacolo unico e particolarissimo trova il suo successo, oltre che nelle invenzioni del testo e delle musiche, nella perfetta macchina teatrale inventata da Giulio Coltellacci che firmò scene e costumi. La canonica, la piazza con il sagrato, l’Arca si succedono in maniera continua grazie ai due girevoli che danno vita a cambiscena che spesso hanno strappato l’applauso a "scena aperta"

Ma passiamo alla TRAMA..che è troppo bellina:

 
In un tranquillo paese di montagna vive un giovane parroco, Don Silvestro, la cui serena
esistenza viene sconvolta da una telefonata miracolosa in cui Dio comunica al parroco
l'intenzione di scatenare il secondo diluvio universale, per riportare un po' di pace sulla terra. 
Gli abitanti del paese restano sbalorditi alle parole del loro reverendo; primi fra tutti Crispino,
falegname nonché sindaco del paese e Ortensia, sua moglie. Al contrario Clementina, la figlia
del sindaco, la quale nutre un amore neppure tanto segreto verso il suo adorato parroco, crede
immediatamente alla possibilità del diluvio, cosi` come Toto, l'ingenuo del villaggio.
L'incredulità dei concittadini viene sconfitta dall'evidenza di un prodigioso miracolo compiuto
da Don Silvestro, uno spettacolare concerto per prete e campane (suonate da Dio!).
La richiesta di fornire il legname per la costruzione dell'arca spiazza nuovamente il sindaco il
quale si oppone con rabbia minacciando di denunciare il tutto, e costringendo la gente ad
imprigionarlo.
La notte della procreazione viene sconvolta da un arrivo inatteso, quello di Consolazione,
prostituta/cartomante girovaga la quale attrae tutti gli uomini, ad eccezione di Toto
(sessualmente limitato). A questo punto, Dio decide di intervenire consegnando a Toto una
grande virilità che gli servirà per conquistare Consolazione e rimandare gli uomini dalle
rispettive mogli.
Saputo che Consolazione s'imbarcherà con loro, gli abitanti del paese decidono di boicottare la
costruzione dell'arca, salvo poi redimersi invitati dolcemente da Don Silvestro e procedere
finalmente alla costruzione. 
Quando tutto sembra volgere per il meglio, giunge la notizia della fuga del sindaco la quale
impegnerà la gente in una ricerca affannosa che li porterà in canonica a pregare S. Crispino il
Santo del paese. Proprio dentro la statua del Santo si trova nascosto il sindaco che, una volta
solo, riuscirà ad avvertire le autorità, ma che subito dopo verra` scoperto e "impacchettato" a
dovere con la statua, pronto per essere caricato sull'arca.
Nel frattempo, dopo essere stata a consulto da Consolazione, Clementina trova il coraggio di
dichiararsi a Don Silvestro, il quale riceve il benestare direttamente da Dio, salvo poi
accorgersi che si trattava di un sogno.
Rimane ancora il tempo per celebrare il matrimonio di Toto e Consolazione, durante il quale il
Sindaco, rinchiuso in canonica, riceve la folgorazione (fisica!) di Dio, che lo convertirà
definitivamente.
Proprio mentre le persone si accingono ad imbarcarsi giunge, accompagnata dai carabinieri, la
visita del Cardinale, il quale dall'alto della sua autorità riesce a convincere la gente a seguirlo,
tranne Don Silvestro e Clementina, che rimangono sull'arca.
Le prime gocce scatenano il panico tra la popolazione, che e` ormai impossibilitata a salire
sull'arca





Tra l'altro, nuovamente mi trovo ignorantona in materia...certo...da reminescenze d'oratorio ricordo perfettamente la canzone finale
ma  mi chiedo come si passi dal finale sopra a quello che tutti conoscono con tutti che cantano appunto aggiungi un posto a tavola...mah!!!!
Dovro' andare a vederlo..o almeno leggermi i copioni che dite!??!!?
 
 a tutti un buon fine settimana
Ciao TIZ

Annunci

2 thoughts on “bhe allora su richiesta

  1. Oso commentare solo ora con immenso ritardo…
    Grazie io l’ho visto un paio di volte e mi emoziona un sacco anche se come trama è molto semplice e di poche pretese…
    Un abbraccio, Morghy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...